Nel 1952 il Maestro Tadashi Abe giunse in Francia per divulgare un’arte marziale ancora sconosciuta in Europa. I centri di diffusione furono Parigi e Marsiglia e tra i primi allievi c’era anche un Maestro di Judo di Mentone: Armand Bottom. Nel 1955 questo insegnante venne ad Imperia ed inizio’ l’insegnamento del Judo e dell’Aikido, ritenuto una scuola di difesa personale superiore poiche’ riservata ai dignitari della corte e agli ufficiali di varie accademie militari. E’ in quell’anno che il fondatore della Scuola di Aikido “Tadashi Abe” di Imperia, Pierdomenico Anzalone , inizia la pratica. Poiche’ in Italia, fino a quel momento, non c’erano stati che alcuni sporadici corsi, il Maestro Anzalone e’ da considerarsi il piu’ anziano aikishugyosha nel nostro Paese, non avendo mai cessato la pratica da quella data. Molti Maestri giapponesi influirono sulla base tecnica e filosofica della scuola: Kenshiro Abbe, Noro, Nakazono, Tamura, Tada, Fujimoto, Hosokawa, Kobayashi e numerosi altri; parallelamente all’Aikido, il Maestro Anzalone si dedico’ allo studio di Judo, Karate e Kendo. Studioso di civilta’ estremo-orientali, inizio’ la pratica dell’ Hatha Yoga . Nel 1964, fu tra i primi a praticare l’agopuntura e le terapie associate; divenne Maestro di ceramica raku e, sotto la guida di Jimbo Keiko, inizio’ la pratica dell’ikebana e dello shodo. Tutti i maggiori insegnanti della Provincia sono stati suoi allievi, ma pochi ne hanno capito il messaggio, preferendo scegliere vie di conoscenza piu’ facili; egli continua l’insegnamento solamente nel Dojo “Tadashi Abe” e gli stage che periodicamente tiene sono gratuiti e aperti a qualunque organizzazione si occupi di Aikido.